Un "faro nella notte" ancora poco conosciuto

Con la firma dell’Agenda 2030 nel 2015 gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno intrapreso la via di uno sviluppo sostenibile, che comporta l’accesso per tutte e tutti ai propri diritti economici, sociali e culturali, come pure il mantenimento della capacità produttiva dei sistemi naturali, senza i quali non c’è vita. René Longet, noto esperto nello sviluppo sostenibile, aggiunge che non deve più essere possibile generare profitto a discapito degli altri o delle generazioni future.

Oltre che agli Stati e alle loro ammi- nistrazioni l’Agenda 2030 si rivolge ad ogni persona e lavoratore/trice, che con la sua responsabilità porta il proprio contributo. Un sondaggio del giugno 2020 (Focus 2030) mostra che poche persone conoscono l’Agenda 2030 in Svizzera. Tuttavia il Consiglio federale, in risposta a una mozione parlamentare del consigliere agli Stati Carlo Sommaruga per una campagna nazionale di sensibilizzazione sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile, ha dichiarato che non ritiene “necessario mettere in atto un’ampia campagna informativa a complemento del mandato d’informazione generale già affidato ai servizi federali competenti”. È il momento di unire le nostre forze ispirandoci a vicenda, trasmettendo un messaggio coerente a quante più persone possibili per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile e “far conoscere l’Agenda 2030”.

Le seguenti iniziative sono un buon esempio cui ispirarsi:

- le Jai jagat, attiviste indiane le quali avevano in programma di marciare da Delhi a Ginevra per rivendicare la realizzazione degli OSS (progetto rinviato a causa della pandemia);

- Gli OSS nelle lingue locali: un giovane camerunense “si è posto come missione di tradurre gli OSS nelle lingue locali”;

- “Nos Futurs”: la fantascienza al servizio degli OSS, pubblicazione che unisce divulgazione scientifica e fantascienza per spiegare e diffondere gli OSS;

- Le biblioteche si impegnano per lo sviluppo sostenibile, in Svizzera e a livello internazionale.

di Amélie Vallotton InfoDoc/Alliance Sud (traduzione: Tatiana Roveri/rg)

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.