La solidarietà intergenerazionale è preziosa

Ogni volta che viene proposto un innalzamento dell’età pensionabile, ci viene ripetuto che se questo non verrà accettato, saranno i giovani a dover pagare per le persone anziane. La nostra società però funziona già oggi grazie alla solidarietà intergenerazionale.

Bambini e giovani beneficiano di un sistema di istruzione e formazione che permetterà loro di poi entrare nel mondo del lavoro. Una volta adulti, saranno loro a pagare i contributi per assicurare le pensioni di anzianità e i servizi. È quindi un sistema funzionale.

Oltre a questa solidarietà sociale esiste anche una solidarietà familiare basata sul lavoro domestico, educativo e di cura non retribuito. Le lotte femministe hanno permesso di sottolineare l’importanza del lavoro delle madri, ma è però ancora difficile riuscire a quantificare l’ammontare del lavoro svolto da nonne e nonni.

In Svizzera, un figlio su tre è accudito regolarmente dai nonni. Questo tipo di accudimento è importante quanto quello di asili nido e centri diurni, che hanno ancora un numero insufficiente di posti e un costo troppo alto. Per dirla in modo chiaro: molte giovani donne sono professionalmente attive grazie al sostegno di madri/ suocere, senza le quali lascerebbero o ridurrebbero la propria attività professionale. Questa considerazione deve essere integrata nel dibattito sull’età pensionabile.

I giovani pensionati non sono una generazione privilegiata come molti pensano. Pochi sono quelli che vanno in pensione a 60 anni con grosse rendite. La maggior parte delle persone pensionate, soprattutto le donne, vive modestamente e si occupa della cura dei nipotini, di altre persone anziane, dipendenti e/o malate. Questo lavoro permette alla società notevoli risparmi: 8 miliardi CHF/anno per la sola cura dell’infanzia! Invece di innalzare l’età di pensionamento dovremmo invece abbassarla e allo stesso tempo bisognerebbe finalmente riconoscere l’importanza del lavoro non retribuito per la nostra società.

di Michela Bovolenta, segretaria centrale VPOD

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30