No all’aumento dell’età AVS per le donne!

L’Unione Sindacale svizzera (USS) ritiene che il messaggio del Consiglio federale sulla Riforma 21 non sia convincente. Il futuro nuovo Parlamento dovrà rielaborarlo. Una riforma dell’AVS ha la possibilità di trovare una maggioranza dei cittadini che la sostengono unicamente se essa parte dal problema del livello delle rendite. Il compromesso tra padronato e sindacati stabilizza le rendite del II Pilastro (attualmente in calo), ma anche l’AVS ha bisogno di misure urgenti: è infatti da 40 anni che le rendite AVS non aumentano. Gli adattamenti delle rendite AVS in base all’indice misto non tengono conto a sufficienza dell’evoluzione salariale, per cui le rendite perdono valore, a fronte ad esempio di un forte aumento dei costi della salute. Per questo l’USS lancerà un’iniziativa per la tredicesima AVS e per garantire che l’AVS assicuri una vecchiaia dignitosa.

L’Unione sindacale svizzera respinge l’aumento dell’età AVS: la stabilizzazione delle finanze dell’AVS, che è pure una rivendicazione sindacale, non deve essere fatta principalmente sulle spalle delle donne. Infatti la situazione occupazionale è difficile per le donne più anziane: la metà di loro interrompe l’attività professionale prima dell’età AVS; e altre hanno un grado d’occupazione inferiore a quello che desidererebbero (l’Ufficio federale di statistica indica che le donne sotto-occupate sono 3,5 volte più degli uomini). Le rendite delle donne sono inoltre molto più basse di quelle degli uomini: nel 2017 gli uomini neopensionati hanno ricevuto rendite due volte superiori a quelle delle donne neopensionate. Le rendite delle donne sono talmente basse che spesso non consentono loro di vivere decentemente una volta pensionate. Per questo, come sottolineato dal grande sciopero delle donne dello scorso 14 giugno, occorre che le donne beneficino della parità dei sessi e non della parità dell’età di pensionamento!

La Svizzera è sempre più ricca: essa può e deve dotarsi di una previdenza vecchiaia fondata su un finanziamento solido. Lo esige la Costituzione federale: ne va del rispetto di lavoratori e lavoratrici che hanno contribuito in modo determinante alla crescita dell’economia e alla creazione di un’AVS sociale.

di Gabriela Medici, segretaria USS

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.