Natascha Wey, nuova segretaria generale del Sindacato VPOD/SSP

Da: Sindacato VPOD Ticino

Il Sindacato del personale dei servizi pubblici e sociosanitari VPOD/SSP ha nominato una nuova dirigente: Natascha Wey è stata eletta nuova Segretaria generale VPOD/SSP in occasione dell'Assemblea dei delegati della Federazione lo scorso sabato 25 giugno. Natascha Wey sarà quindi la nuova responsabile del Sindacato svizzero del servizio pubblico, che conta circa 33'000 iscritti. Dopo aver ricoperto il ruolo di vice segretaria generale, succede a Stefan Giger, che lascia il posto per pensionamento.

Natascha Wey ha 40 anni ed è nata nel Canton Argovia. Ha studiato storia e lingua e letteratura tedesca e dal 2015 lavora come segretaria centrale presso il Sindacato VPOD. In questo ruolo, ha rappresentato gli interessi del personale dei Politecnici federali svizzeri e dei dipendenti del settore della manutenzione e della pulizia. Nel suo lavoro sindacale, pone particolare enfasi su una migliore organizzazione sindacale nei settori con un'alta percentuale di donne, come quello della cura dell'infanzia, e sul tema della parità - da qui il suo forte impegno per l'ultimo grande sciopero delle donne del 2019 e quello previsto per il 2023.

Natascha Wey rappresenta il Sindacato VPOD nella Commissione di sorveglianza per il fondo di compensazione dell'Assicurazione contro la disoccupazione, nel consiglio di fondazione del Fondo Nazionale Svizzero e nella commissione del fondo di previdenza collettiva Publica. Dal 2019 è membra del Consiglio comunale di Zurigo per il Partito socialista.

La nuova segretaria generale VPOD/SSP, che vive a Zurigo con il suo compagno e i suoi due figli, è consapevole di dover guidare una federazione sindacale tradizionalmente ricca e variegata in un momento difficile insieme all'attuale presidente, Katharina Prelicz-Huber. Tuttavia, ritiene che il compito sia molto importante e significativo: "Non vedo l'ora di portare avanti il Sindacato, lavorando con i colleghi sul posto di lavoro e con i professionisti del nostro sindacato per soddisfare le esigenze dei dipendenti, per rendere più efficaci le richieste sindacali e per garantire un servizio pubblico forte!".

Secondo Natascha Wey, le crisi attuali permettono una sola conclusione: "La chiave del futuro sta nell'azione collettiva e nel rafforzamento dei servizi pubblici".