Licenziamenti e disagio tra il personale delle case per anziani della regione Moesa: le Organizzazioni sindacali lanciano un appello alla politica

© Unsplash

Da: Comunicato stampa Sindacato OCST e Sindacato VPOD Ticino

Da diverse settimane le organizzazioni sindacali ricevono segnalazioni da parte del personale occupato presso le case anziani della regione Moesa. Il personale racconta in particolare di pressioni sul posto di lavoro, insicurezza e disagio, nonché di problematiche a livello di gestione sanitaria degli ospiti. Negli ultimi giorni vi sono stati ulteriori licenziamenti.

Alcune direzioni ci hanno comunicato che la riduzione del personale è provocata dalla diminuzione dell’occupazione dei posti letto dovuta all’attuale crisi sanitaria. Purtroppo però, a oggi, nessuna casa anziani ha accettato di aprire un dialogo trasparente con i sindacati. I dipendenti, dal canto loro, non vogliono esporsi per paura di perdere il proprio posto di lavoro.

Di fronte a questa situazione OCST e VPOD si sentono in dovere di lanciare un appello alla politica grigionese affinché si riconosca rapidamente a un aiuto economico straordinario che consenta alle case per anziani della Moesa di mantenere dei preziosi posti di lavoro. Tale aiuto, alla fine della pandemia, permetterà di garantire la continuità e la qualità delle cure in favore degli anziani che torneranno ad occupare le strutture.

In conclusione, i sindacati evidenziano come la riduzione dei posti letto sia una conseguenza passeggera provocata dalla crisi sanitaria. La perdita di personale competente e qualificato provocherà per contro delle gravi ripercussioni sia per il settore sanitario della Moesa che per il numero di posti di lavoro esistenti nella regione.

Xavier Daniel, OCST, 079 800 88 56

Stefano Testa, VPOD, 079 551 01 69

Notizie in formato PDF

 

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.