Il Sindacato VPOD ti aiuta: pause di lavoro e reperibilità dell'infermiere

Luigi, infermiere, lavora in casa anziani: durante i turni si trova quale unico infermiere diplomato per il reparto. Le direttive emanate dalla direzione prevedono l’obbligo di usufruire di 30 minuti di pausa, definita “pausa pranzo/cena” e l’opportunità di usufruirne di una breve di 10 minuti (esigenze di servizio permettendo).

La differenza tra queste due pause è che i 10 minuti sono tempo di lavoro, mentre la mezz’ora è tempo non retribuito. Durante la pausa di 30 minuti Luigi, deve dare la reperibilità agli assistenti di cura e deve portare sempre con sé il telefono per rispondere alle urgenze. Questa situazione fa sì che spesso la sua pausa pranzo/ cena sia interrotta e che non benefici di uno stacco dal lavoro. Luigi ha fatto notare questa problematica alla direzione, chiedendo una soluzione. Purtroppo quest’ultima gli comunica che è così e che bisogna adattarsi. Lugi, non molto convinto della risposta, si rivolge al Sindacato VPOD per verificare e per chiedere un intervento a sua tutela.

Il Sindacato è intervenuto ed ha preteso che a Luigi fosse retribuita quale tempo di lavoro anche la pausa di 30 minuti. Infatti se durante tale pausa un lavoratore deve essere reperibile per esigenze di servizio e non può allontanarsi dal posto di lavoro, la pausa non decade, ma viene trasformata in tempo di lavoro ed i 30 minuti devono essere retribuiti. Diversamente le pause brevi di 10-15 minuti, che in tutto il settore sociosanitario è d’uso concedere a metà turno e che non sono regolate dalla Legge sul lavoro/Ordinanza 1 concernente la legge sul lavoro, possono decadere, se le esigenze di reparto non permettono di usufruirne (ma ovviamente questo non deve essere la regola!).

Notizie in formato PDF

 

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.