Petizione per fermare il nuovo piano delle lezioni settimanali del liceo!

Da: Associazione dei docenti delle scuole medie superiori ticinesi

Grazie alla vostra sottoscrizione, chiediamo al Gran Consiglio di intervenire ed esercitare il proprio dovere di alta vigilanza sull'operato del Governo e dell’Amministrazione.

Il Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS) non sente ragioni: il progetto di Nuovo piano delle lezioni settimanali del Liceo, presentato ai collegi liceali nel corso del mese di maggio 2019, deve essere implementato a partire già dal prossimo settembre 2020 per poter introdurre la nuova materia Informatica, che la Confederazione impone entro il 2022. Nonostante l’Autorità si sforzi di negarlo, si tratta di una riforma del modello liceale ticinese, programmata senza il reale coinvolgimento dei docenti.

La riforma, che si configura tramite un insieme disorganico di lezioni, per risolvere alcuni problemi ne crea altri e intacca fortemente il modello liceale senza proporne uno sostitutivo che, peraltro, dovrebbe scaturire da un ampio e approfondito dibattito pubblico, per il quale occorre tempo e disponibilità al confronto.

Fra i problemi generati dal progetto di riforma, spicca l’adeguamento dei programmi in tempi ristretti, la mancanza di docenti qualificati per la nuova materia informatica e l’obbligo di scelta del curriculum liceale alla fine della scuola media anziché alla fine del primo anno di liceo, oltre ad un aumento generalizzato del carico di lavoro degli allievi.

Occorre fermare il DECS e indurlo a programmare una riforma seria e ponderata, fondata su dati consultabili da poter interpretare e discutere.

Entro il 2022 ci si potrebbe conformare ai dettami federali limitandosi alla sola aggiunta di 3 ore alle attuali griglie; nel frattempo:

  • si potrebbero formare adeguatamente i docenti di Informatica senza danni a carattere occupazionale, sperimentando la nuova materia su un ristretto numero di classi e verificando l’efficacia dei programmi prima della sua definitiva introduzione;
  • si potrebbe, per mezzo di una revisione dei criteri di promozione e mantenendo l’attuale griglia, dar seguito ad uno dei pregi del progetto del DECS, ossia ridurre lo scoglio generato nel primo biennio dalle materie “scientifiche” a danno degli allievi più portati per l’ambito umanistico, linguistico e artistico.

Vi preghiamo di scaricare e firmare il presente modulo e di inviarlo, anche se incompleto, entro il 1 marzo 2020 al seguente indirizzo: Urs Dudli, Via Parco 1a, 6500 Bellinzona;
È ugualmente possibile ritornarlo in formato pdf al seguente recapito mail: Enable JavaScript to view protected content.

Notizie in formato PDF

 

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.