Scuola media ferma al palo...

Da: Daniela Pugno Ghirlanda, deputata PS in Gran Consiglio

La legislatura si sta per concludere, è tempo di bilanci. Da tre anni partecipo ai lavori della Commissione speciale scolastica del Gran Consiglio e anch’io mi chiedo: che cosa abbiamo dato in questo periodo alla scuola dell’obbligo? Alla scuola di tutti? Niente. Questo è il malinconico bilancio. Dopo il voto sulla scuola dello scorso 23 settembre, avevamo comunque a portata di mano l’occasione per concludere questa legislatura dando un aiuto importante agli allievi della scuola media che – come è unanimemente riconosciuto- ne hanno particolarmente bisogno. L’occasione non è stata colta.

Eppure sul tavolo della Commissione scolastica c’era una vecchia mozione dei deputati Polli e Pagani, risalente al lontano 2014. Nelle scorse settimane il Consiglio di Stato aveva dato luce verde proponendo qualche correttivo e il rapporto dei colleghi Celio e Ghisletta era praticamente pronto per andare in Gran Consiglio.

Portando avanti questa mozione, avremmo potuto dire di sì all’introduzione di 6 ore in più di insegnamento a classi dimezzate (i già sperimentati “Laboratori”) e proprio in italiano, tedesco e matematica, materie che più incidono nella formazione di base di una persona. Non l’abbiamo fatto.

Avremmo potuto reintrodurre dei corsi di recupero disciplinari per gli allievi in difficoltà, potenziando il monte ore a disposizione delle sedi scolastiche. Non l’abbiamo fatto.

Avremmo potuto dare al docente di classe un’ora in più per permettergli di seguire meglio i suoi allievi in III e IV media nel difficile momento della scelta professionale. Non abbiamo fatto neanche questo.

Erano tutte proposte concrete, realizzabili e condivise da chi lavora sul campo e dagli esperti di materia. Non chiacchiere vaghe come quelle che abbiamo avuto occasione di leggere in molti interventi, alcuni recenti e piuttosto corposi, che parlano di scuola senza dire niente. Ma, contro ogni logica, i rappresentanti dei gruppi parlamentari del centro e della destra hanno voluto rimandare ogni decisione a dopo le elezioni. Contro ogni logica, lo ribadisco, visto che la maggioranza della Commissione è costituita proprio dai rappresentanti dei gruppi che hanno elaborato la mozione (sostenuta anche dai Socialisti e dai Verdi).

Che cosa sta succedendo? Le proposte contenute nella mozione non vanno più bene? Ne dubito, i pareri sentiti fino ad ora dagli addetti ai lavori sono tutti favorevoli, in particolare in merito all’aumento delle ore di Laboratorio, pratica quest’ultima conosciuta e apprezzata nel nostro Cantone, già dal 2003. O forse le proposte della mozione non sono ritenute sufficienti, non coprono tutti i bisogni? Anche di questo dubito, visto che la riforma “La Scuola che verrà” era caduta in votazione proprio perché ritenuta, tra l’altro, una riforma scolastica di portata troppo vasta.

Non c’è una sola ragione valida nel voler rimandare tutte le decisioni a “dopo le elezioni”. Non è troppo difficile intravvedere in questo forzato immobilismo dei calcoli elettorali dettati da brame partitiche e da accodamenti opportunistici. Io ritengo che rimandare oltre interventi giusti e necessari a favore della scuola dell’obbligo sia un modo di agire irresponsabile. È giusto che l’opinione pubblica sappia che il Parlamento, in questi quattro anni di legislatura, non ha fatto niente per la nostra scuola dell’obbligo. Il bilancio qui si chiude e non posso che augurarmi che i nuovi eletti sappiano fare meglio.

Notizie in formato PDF

 

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.