Il tempo per cambiarsi è tempo di lavoro

Da: Stefano Testa e Fausto Calabretta, sindacalisti VPOD Ticino

Su indicazione della Conferenza federativa della sanità VPOD svoltasi a Soletta, il Sindacato VPOD Ticino nelle scorse settimane ha contattato l’Ente ospedaliero cantonale (EOC) e le cliniche per introdurre il riconoscimento del tempo necessario per indossare la divisa di lavoro e recarsi dallo spogliatoio al proprio reparto. Negli scorsi giorni le direzioni delle Cliniche private ticinesi, per mezzo della loro associazione ACPT, hanno comunicato al Sindacato di voler affrontare il tema in maniera unitaria in una riunione alla quale partecipino tutte le cliniche associate, le cliniche non associate e l’OCST. L’EOC dal canto suo ha comunicato al Sindacato VPOD che sta approfondendo la questione e che una discussione avverrà in estate.

La recente interpretazione da parte Segreteria di Stato all’economia (SECO) dell’articolo 13 dell’Ordinanza 1 della Legge federale sul lavoro (OLL1) prevede che cambiarsi d’abito e recarsi nel proprio reparto è da considerarsi quale tempo di lavoro. La richiesta effettuata dal Sindacato VPOD all’EOC e alle cliniche nasce dalla volontà di trovare una soluzione chiara per tutto il settore sanitario.

Negli scorsi giorni le direzioni delle Cliniche private ticinesi, per mezzo della loro associazione ACPT, hanno comunicato al Sindacato di voler affrontare il tema in maniera unitaria in una riunione alla quale partecipino tutte le cliniche associate, le cliniche non associate e l’OCST.

L’EOC dal canto suo ha comunicato al Sindacato VPOD che sta approfondendo la questione e che una discussione avverrà in estate.

Notizie in formato PDF

 

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.