Combattere con forza il clima di lavoro negativo nel settore sociosanitario!

Da: Sindacato VPOD Ticino

Un quadro preoccupante affligge il lavoro degli operatori nel settore sociosanitario. Per tutelare le persone attive in questo ambito, l'assemblea del personale sociosanitario VPOD convocata a Rivera il 25 settembre 2019 chiede l'attuazione delle misure contrattuali e istituzionali elencate nella risoluzione approvata all'unanimità.

La Coordinatrice del Laboratorio di psicopatologia del lavoro Liala Cattaneo ha evidenziato diversi aspetti negativi che pesano sul clima di lavoro nel settore sociosanitario, tra cui la tecnologizzazione e digitalizzazione, le fusioni e le riorganizzazioni per accrescere la produttività.

Se qualche anno fa la sofferenza psichica toccava in prevalenza le persone alla ricerca di un impiego, in situazione di precarietà, malattia o dipendenza, ora essa tocca pure in modo importante chi ha un lavoro: siamo di fronte ad un fenomeno di “destabilizzazione degli stabili” e di “aumento della paura di perdere il posto di lavoro”. Crescono quindi le vittime di stress, burnout, conflitti sul posto di lavoro, molestie: con conseguenti disturbi psicosomatici (disturbi e malattie), emozionali (che vanno dalla perdita del sonno, passando dall’ansia fino alla depressione) e comportamentali (dai disturbi dell’alimentazione all’abuso di sostanze: oltre il 20% dei lavoratori che si rivolgono al Laboratorio di psicopatologia usa quotidianamente sonniferi e tranquillanti). Le cause puntuali del disagio di chi si rivolge al Laboratorio sono la gestione autoritaria e unidimensionale delle strutture, i ritmi di lavoro elevati, l’impiego inadeguato del personale, le carenze a livello di comunicazione e informazione, la scarsa autonomia lasciata ai dipendenti, lo scarso riconoscimento per il lavoro svolto dai dipendenti, l’assenza di considerazione della vita privata del dipendente, concorrenza/rivalità/lotte di potere sul posto di lavoro, l’esistenza di dinamiche di gruppo malsane, la mancanza di supporto al dipendente che soffre.

Gli elementi finanziari pesano
Secondo il Sindacato VPOD cause importanti alla base del peggioramento del clima di lavoro nel settore sociosanitario sono il finanziamento forfettario delle prestazioni, il fatto che i contratti di prestazione tra Stato ed enti sociosanitari permettano a questi ultimi di fare utili (ad es. risparmiando sulle sostituzioni di personale, abusando dei contratti su chiamata, utilizzando figure professionali meno qualificate e quindi meno remunerate) e infine la pressione sui costi sanitari operata dalle casse malati e in generale dalla politica.

Tutelare meglio chi lavora nel settore sociosanitario con 11 misure concrete
Di fronte a questa grave situazione l’assemblea del personale sociosanitario VPOD convocata a Rivera il 25.9.2019 esige l’attuazione di misure serie di prevenzione e lotta contro il clima di lavoro negativo nelle strutture sociosanitarie, come pure misure di risarcimento delle/dei dipendenti che sono vittime del clima di lavoro negativo.

MISURE CONTRATTUALI

  1. La sottoscrizione di contratti collettivi di lavoro (CCL) da parte dei tutti gli enti sociosanitari di diritto privato e la dichiarazione di obbligatorietà dei contratti collettivi di lavoro del settore sociosanitario, che deve essere chiesta dai datori di lavoro e dai sindacati congiuntamente (procedura che sino ad oggi non si è riuscito a portare a termine).
  2. La generalizzazione di commissioni del personale forti, riconosciute seriamente da parte di tutti gli enti sociosanitari (pubblici e privati) e da parte dello Stato nel loro ruolo autonomo, critico e propositivo.
  3. L’applicazione del diritto per i rappresentanti sindacali di accedere ai posti di lavoro, come sancito dal Tribunale federale su richiesta del Sindacato VPOD Ticino, per raccogliere i problemi e per affrontarli, unitamente alle commissioni del personale, in uno spirito di partenariato sociale con i datori di lavoro sociosanitari.

    MISURE CANTONALI ISTITUZIONALI
  4. Il rafforzamento delle risorse del Laboratorio di psicopatologia del lavoro e dell’Ispettorato del lavoro per effettuare analisi e controlli a tutela della salute dei dipendenti del settore sociosanitario.
  5. La trasmissione dei risultati dei controlli dell’Ispettorato del lavoro alle commissioni del personale e ai sindacati.

    MISURE NEI CONTRATTI DI PRESTAZIONE TRA CANTONE E ENTI SOCIOSANITARI
  6. L’organizzazione da parte dello Stato di indagini indipendenti ed esaustive sul clima di lavoro nelle strutture sociosanitarie, che prevedano la pubblicazione dei risultati (i risultati non devono rimanere nei cassetti degli istituti sociosanitari come avviene oggi).
  7. L’obbligo per le strutture sociosanitarie di dotarsi di personale qualificato sufficiente e di sostituire tempestivamente le assenze per garantire la qualità delle cure e dell’assistenza, oltre che un lavoro con carichi normali.
  8. La limitazione a situazioni eccezionali del lavoro su chiamata e precario, come pure delle esternalizzazioni (pulizie, ecc.).
  9. La lotta al lavoro gratuito fatto da stagiaires e praticanti sfruttati.
  10. La tolleranza zero per lo stile di gestione autoritario e verticistico: lo Stato deve sospendere i sussidi agli enti con gestioni autoritarie e verticistiche fino al ripristino della normalità.
  11. L’indennizzo e il ricollocamento del personale degli enti sociosanitari che denuncia situazioni di clima di lavoro negativo e che viene ingiustamente licenziato.
Downloads
30.09.2019 190925_"O ti va bene così, o puoi andartene" PDF (450 kB)
Notizie in formato PDF

 

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.