Il Gruppo VPOD polizia rivendica le 40 ore

Da: Joël Scaglia, presidente Gruppo VPOD polizia

Lo scorso 7 novembre si è tenuta a Bellinzona l’assemblea del gruppo VPOD Polizia, che ha rilanciato la rivendicazione delle 40 ore settimanali.

Scala stipendi
È passato quasi un anno dall’entrata in vigore della nuova Legge stipendi e relativa scala. Come c’era da aspettarsi, sono nate molte discussioni in meri to. Parlando della Polizia, abbiamo riscontrato alcuni casi di persone che, pur avendo acquisito un grado, hanno subalterni che guadagnano più di loro. In nessuna ditta al mondo un capo guadagna meno di un suo subalterno. È paradossale. Inoltre vincere un concorso , accedere ad una funzione con maggiori responsabilità aumentano e ottenere un aumento salario piccolissimo, è inaccettabile. Il Comitato VPOD Polizia ha esaminato le descrizioni delle funzioni della Polizia, rilevando che diversi punti non corrispondevano alla realtà. Vi sono punti interpretabili, ma alcune erano proprio oggettive. Per questo i Sindacati di polizia hanno chiesto il riesame della commissione paritetica. Auspichiamo che si giunga a rivalutare in particolare le funzioni che lavorano a turni su 24h.

40 ore
“Dare per avere”. I tagli salariali sono ormai divenuti una regola dei due decenni. Il costo della vita aumenta, vedi i premi Cassa Malati 2018 (l’aumento maggiore della Svizzera), affitti, spese vari… ma lo stipendio reale non fa che diminuire. La nuova scala salariale è uno specchietto per le allodole per i giovani. È vero sì che una gran parte dei collaboratori al massimo degli scatti si vedrà aumentare ancora un poco lo stipendio, ma le nuove generazioni, andranno avanti più lentamente e magari non arriveranno mai al termine della propria scala salariale. Per questo rivendichiamo di portare la settimana lavorativa a 40 ore e questo con l’introduzione
di un sistema di timbratura applicato a tutta la Polizia.
È inammissibile che parte della Polizia cantonale utilizzi il rilevamento delle ore lavorative a mezzo di timbratura (Polizia giudiziaria ed altri uffici), mentre ad altri non viene concessa (Gendarmeria). Ricordiamo e ribadiamo al nostro Esecutivo che il Gran Consiglio, nell'ambito della discussione sulla nuova Legge sulla cassa pensioni (passaggio al primato dei contributi), aveva promesso che i peggioramenti in ambito pensionistico sarebbero stati compensati con una riduzione dell'orario di lavoro. Considerate anche le
numerose misure di risparmio applicate ai dipendenti dello Stato negli ultimi venti anni, chiediamo quindi al Governo di mantenere le promesse e aprire immediatamente la discussione sulla riduzione dell'orario di lavoro, senza riduzione di stipendio. Anche perché le Polizie comunali hanno parificato i gradi e gli stipendi alla Polizia cantonale: ma la Polizia comunale
lavora 40 ore settimanali e beneficia di 118 giorni di congedo mentre la Polizia Cantonale lavora 42 ore settimanali e ne ha 102; e le responsabilità di indagine delle Polizie comunali sono meno onerose di quelle della Cantonale (vedi inchieste ed interrogatori con avvocati).

Notizie in formato PDF