VPOD Ticino

NOMINE Assemblea di Regione VPOD Ticino, 25.09.2020

COMITATO REGIONE VPOD TICINO
(presidente + 16 membri/16 supplenti)

Presidente: Michela Pedersini

Settore pubblico (6)
Comuni/Grigioni/Aziende pubbliche (1):
Lucia De Marco (m) – Augusto Canonica (s)
Invitato: Roberto Jörg - S. Bernardino GR
Invitato: Roberto Martinotti – membro comitato nazionale

Docenti (2):
Adriano Merlini; Romano Dominoni (s)
Zenia Toniolo (m); vacante donna(s)

Impiegati Stato:
Giovanni Marvin (m); Samantha Cudazzo (s)

Organizzazione sociopsichiatrica (1):
Valentino Garaffa (m); vacante donna (s)

Polizia / Strutture carcerarie (1) :
Aldo Zwikirsch (m); vacante donna (s)
Invitato: Filippo Poma (strutture carcerarie)

Settore sociosanitario (8)
Assistenza e cura a domicilio/settore ambulatoriale (2):
Aimi Alfio (m) – Marina Carobbio Guscetti (s)
Valentina Margni (m) – Claudia Prati (s)

Case anziani (2):
Anthea Gianora (m) – Michele Sperolini (s)
Mara Malinovic (m) – Stefano Bezzolato (s):

Cliniche (1):
Monica Vanotti (m)– Elisa Gavrani (s)

Istituzioni sociali (1):
Antonella Tomaino (m) – Lucio Negri (s)
Invitata: Elizabeth Alves Dos Santos (asili nido)

Ospedali EOC (2):
Sonia Corda Mattiucci (m) – Wally Galasso (s)
Icilio Polidoro (m) - Gabriele Macconi (s)

Fondazioni culturali (1)
OSI/MASIL/PROCOM (1):
Andreas Laake (m) – vacante donna (s)

Pensionati (1)
Graziano Pestoni (m) – Loredana Fontana (s)

COMM. VERIFICA CONTI VPOD TI
Luca Crivelli – Maria Mattioli – Felice Ruffa

ASSEMBLEA DELEGATI VPOD CH
Membri: Lucia De Marco – Claudia Prati – Monica Vanotti – vacante donna; Romano Dominoni – Graziano Pestoni – Aldo Zwikirsch.
Supplente: vacante donna.
Roberto Martinotti partecipa senza diritto di voto come membro CN VPOD CH

COMITATO CANTONALE USS-TICINO
Membri: Romano Dominoni – Raoul Ghisletta – Lorena Gianolli;
Roberto Martinotti – Michela Pedersini – Stefano Testa.
Supplenti: Fausto Calabretta – Massimo Mantovani

Per informazione (nominati da altri organi)

COMITATO NAZIONALE VPOD CH
Roberto Martinotti

COMMISSIONE VERIFICA CONTI GRPK
Felice Ruffa

TRIBUNALE ARBITRALE VPOD CH
Avv. Giovan Maria Tattarletti (m) - Avv. Graziana Rigamonti Villa

COMITATO ESECUTIVO USS-TI: Raoul Ghisletta
ASSEMBLEA DELEGATI USS CH: Stefano Testa
COMITATO ESECUTIVO COLONIE: Giancarlo Nava, Annamaria Nicoli Brazzola

Obiettivi 2020-2021 del Sindacato VPOD Ticino

1. Migliori condizioni nel settore sociosanitario

Il Sindacato VPOD si batterà per rafforzare la qualità dei servizi sociosanitari, per garantire a tutti i lavoratori una tutela efficace dei loro diritti tramite un contratto collettivo di lavoro, come pure per migliorare le condizioni di lavoro e di formazione. Le rivendicazioni sono state illustrate nel dettaglio in un documento specifico e sono volte al miglioramento degli standard contenuti nei contratti di prestazione sociosanitari tra il Cantone e gli enti sussidiati.
Il Sindacato VPOD Ticino parteciperà all’organizzazione nel nostro Cantone della settimana di sensibilizzazione dal 26 al 31 ottobre 2020, indetta a livello nazionale per rivendicare migliori condizioni di lavoro e maggiori effettivi del personale sociosanitario.

2. Tutela delle condizioni di lavoro e delle rendite dei dipendenti cantonali
I sindacati VPOD, OCST e CCS hanno deciso di agire insieme per dare sostegno al messaggio 7784 del 15 gennaio 2020 “Attribuzione all’Istituto di previdenza del Cantone Ticino (IPCT) di un contributo integrativo di CHF 500 mio per la copertura del costo supplementare delle garanzie di pensione concesse agli assicurati con più di 50 anni nell’ambito della riforma dell’IPCT entrata in vigore il 1° gennaio 2013”. Una linea comune è stata adottata anche in merito alla rivendicazione come le 40 ore, che sarà affrontata dopo la soluzione del problema pensionistico.
Il Sindacato farà la campagna per la lista VPOD n. 4 per l’elezione del Consiglio d’amministrzione IPCT nel mese di ottobre 2020.
Il Sindacato combatterà i tagli delle condizioni di lavoro, che saranno adottati con il pretesto della crisi finanziaria Covid.

3. Per il miglioramento della scuola pubblica
La recente approvazione da parte del Parlamento di alcuni miglioramenti nella scuola dell’obbligo (docente d’appoggio nella scuola dell’infanzia e nella scuola elementare, riduzione del numero massimo di allievi, laboratori e maggiori sgravi per parte dei docenti di classe nella scuola media) è da salutare come un passo nella giusta direzione dell’inclusione e della qualità: il Sindacato VPOD ne monitorerà l’applicazione, in particolare nella scuola dell’infanzia.

Il Sindacato si batterà ora per ottenere ulteriori interventi progressisti:

  • la diminuzione del numero di studenti per sezione nelle scuole medie superiori;
  • il superamento dei livelli nella scuola media;
  • il potenziamento dei percorsi formativi oggi gravati dal numero chiuso;
  • la riduzione delle ore lezione settimanali dei docenti per compensare l’aumento della mole di lavoro e gli oneri legati alla digitalizzazione;
  • la riduzione del carico burocratico nella scuola;
  • condizioni adeguate di sicurezza nell’insegnamento in presenza, in particolare per coloro che rientrano nelle categorie a rischio.

4. Per asili nido di qualità e per la conciliazione famiglia-lavoro
Gli effetti della direttiva 2019 del Dipartimento sanità e socialità per il finanziamento di nidi e centri extrascolastici, con le nuove forchette salariali, sono giudicati ancora insufficienti: viene indicato tuttavia che una valutazione completa sarà possibile solo con l’anno 2020, che tuttavia è stato fortemente turbato dalla pandemia. Le discussioni con i datori di lavoro (ATAN) per un CCL hanno dato per ora pochi esiti.
Il Sindacato VPOD dovrà decidere sul mantenimento dell’iniziativa popolare VPOD asili nido di qualità per le famiglie, che vuole introdurre i contratti di prestazione (e quindi un contratto collettivo di lavoro nel settore), ridurre i costi a carico delle famiglie (cosa che nel 2019 è in parte avvenuta) e aumentare i posti nei nidi/servizi extrascolastici in un’ottica di conciliazione famiglia-lavoro (che sembrano insufficienti in particolare nelle zone urbane).

5. Per la parità di genere
Il Sindacato VPOD Ticino si batterà per far approvare dal Parlamento ticinese la petizione per introdurre un Ufficio cantonale per la parità dei sessi sul modello del Canton Vaud, che è stata consegnata il 26 giugno 2019 con 4073 firme.
Il Sindacato porterà avanti le rivendicazioni per la parità di genere contenute in uno specifico testo.

6. Internalizzare i servizi di sicurezza e di pulizia!
Dopo la bocciatura parlamentare della mozione Ghisletta per l’internalizzazione dei servizi di sicurezza e di pulizia dovranno continuare gli approfondimenti per il lancio di un’iniziativa popolare. L’iniziativa popolare ha l’appoggio dell’USS Ticino e Moesa, ma la situazione determinata dal Covid impone un rinvio del lancio al 2021.

7. Più posti di lavoro d’utilità pubblica per i disoccupati di lunga durata

Il Sindacato VPOD valuterà l’esito della discussione parlamentare sull’iniziativa Ghisletta per la creazione di un Ente per lavori d’utilità pubblica. Potrebbe essere fatto un controprogetto. La situazione del Covid rende molto attuale la proposta.

8. Sostegno finanziario all’Orchestra della Svizzera italiana
Il Sindacato valuterà l’esito dell’iniziativa parlamentare Ghisletta per finanziare l’Orchestra con i conti ordinari del Cantone e dei Comuni. Entro il 2023 è necessario introdurre una soluzione finanziaria solida.

9.Telelavoro e digitalizzazione
Il Sindacato VPOD Ticino rivendica dei miglioramenti nel regolamento cantonale del telelavoro varato in agosto 2020.
Attenzione andrà data anche al regolamento di Lugano.
Anche il fenomeno della digitalizzazione necessiterà di un’attenzione sindacale costante per evitare derive pericolose per i diritti dei lavoratori.

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.