Non facciamoci ingannare dall'iniziativa UDC per la limitazione!

Un mercato del lavoro dove il padronato sia libero d’imporre salari e condizioni ai dipendenti senza vincoli alcuni. Da decenni l’Unione democratica di centro (UDC) persegue l’obiettivo, fin da quando Christoph Blocher ne prese le redini, trasformandolo da partito di riferimento del mondo agricolo a quello dei miliardari e degli apostoli del meno Stato.

L’iniziativa promossa dall’UDC sull’abolizione della libera circolazione in votazione il prossimo 27 settembre intitolata “Per un’immigrazione mo- derata” costituisce una tappa cruciale verso l’ambita “liberalizzazione totale” del mercato del lavoro. Un obiettivo apertamente dichiarato dallo stato maggiore dell’UDC, quando nel gennaio 2018 lanciò pubblicamente l’iniziativa popolare. Magdalena Martullo-Blocher lo esplicitò senza giri di parole. «Le misure di accompagnamento sono una catastrofe» -spiegò la figlia di Christoph alla Tribune de Genève. Per illustrare i «catastrofici effetti», la consigliera nazionale indicò alla stam- pa la crescita numerica dei contratti collettivi di lavoro in Svizzera dall’avvento dei bilaterali, passati dai 34 ccl del 2001 agli 80 del 2017.

Per i vertici dell’UDC i contratti collettivi rappresentano un incubo da cancellare o, perlomeno, ridurre fortemente, poiché «limitano pesantemente la libertà d’impresa». Secondo Magdalena Martullo Blocher (il cui patrimonio familiare è stimato dalla rivista Bilanz oltre 10 miliardi di franchi) sarebbero state le misure di accompagnamento a favorire la crescita dei ccl di cui beneficiano il 25% dei salariati. Un quarto dei lavoratori tutelati è giudicato eccessivo per l’UDC. Abrogare la libera circolazione per cancellare le misure di accompagnamento, così da poter ridurre fortemente le tutele dei lavoratori, è la logica lineare dei vertici Udc.

L’alternativa è rafforzare le tutele dei salariati!
Per salvare il mondo del lavoro cantonale per i sindacati le tutele e i diritti dei salariati andrebbero ulteriormente rafforzate. Non di certo cancellate.

Dal canto loro invece, gli eletti UDC alle camere federali si sono sempre opposti a qualsiasi miglioramento delle misure di accompagnamento: no alla fine degli abusi nei subappalti e dumping salariale negli acquisti pubblici, no alle sanzioni per mancato rispetto dei salari minimi, no a combattere efficacemente gli abusi, no a un piano coordinato di protezione di tutti i lavoratori dal dumping salariale, no ai salari minimi validi per distaccati, sono alcuni esempi della lunga lista di atti parlamentari puntualmente bocciati dall’UDC alle camere federali.

L’UDC attacca i diritti di lavoratrici e lavoratori e i controlli sul mercato del lavoro. Ma chiede anche che i datori di lavoro possano continuare ad attingere a tutti i lavoratori stranieri che desiderano. La conseguenza non sarà quindi una diminuzione dell’immigrazione, ma un aumento del dumping e della pressione sui salari.

Non basterà un NO all’iniziativa perché la situazione del mercato del lavoro in Ticino migliori, ma un SI non farebbe che peggiorarla. Quindi votiamo NO il 27 settembre per dire STOP all’attacco dell’UDC ai nostri diritti. Rafforziamo i sindacati per maggiori protezioni e migliori condizioni di lavoro. Serve più tutela dei salari. Non meno come vuole l’iniziativa dell’UDC.

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.