NO alla RFFA

Il 28 settembre l’assemblea dei delegati del Sindacato VPOD nazionale ha rifiutato il pacchetto che abbina sgravi fiscali e sostegno all’AVS, decidendo a maggioranza di sostenere il referendum. Firmate l’allegata cartolina!

L’Unione sindacale svizzera ha deciso di dare libertà di voto ai sindacati membri sul progetto di legge federale sulla riforma fiscale e sul finanziamento dell’AVS (RFFA). Secondo la maggior parte dei delegati del Sindacato VPOD gli elementi negativi della RFFA sono sostanzialmente prevalenti e giustificano il referendum. La RFFA abolirebbe sì gli statuti speciali concessi alle imprese estere, ma li sostituirebbe con altri privilegi fiscali, che permetterebbero importanti riduzioni delle imposte pagate dalle imprese; inoltre il dumping fiscale tra Cantoni si intensificherebbe notevolmente. Questa concorrenza fiscale accresciuta tra Cantoni comporterebbe quindi importanti perdite fiscali, in particolare per le città a i comuni: pertanto essa minaccerebbe gravemente i servizi pubblici.

Una minoranza di delegati VPOD ha per contro sostenuto l’accordo fiscale-sociale, sottolineando l’importanza del finanziamento supplementare per l’AVS e indicando che la battaglia contro le politiche fiscali ingiuste deve essere combattuta a livello cantonale.

di Katharina Prelicz-Huber, presidente Sindacato VPOD nazionale

Cartolina Referendum NO RFFA

Downloads
28.11.2018 NO alla RFFA PDF (1,084 kB)