Insieme possiamo vincere l’odio – vota sì il prossimo 9 febbraio!

Uomini e donne si amano in diverse modalità in Svizzera come altrove in Europa. Quello che purtroppo però è meno diffuso è l'accettazione delle persone LGBT (lesbiche, gay, bi- e transessuali): la Svizzera non è che al 27° posto nella classifica europea!

Per lesbiche e gay, gli insulti personali, il rifiuto di certi servizi e le agressioni sono tutt'ora una realtà.

Per rimediare a ciò, il Parlamento ha deciso di estendere l'articolo della norma penale contro il razzismo con il criterio dell'orientamento sessuale della persona. Quindi in futuro potranno essere perseguite penalmente le persone o le organizzazioni che incitano all'odio contro lesbiche, omosessuali e bisessuali. Questo non piace però ai bigotti e ai reazionari di questo paese e perciò dovremo accettare ora accettare questa modifica legislativa il prossimo 9 febbraio.

Le discriminazioni avvengono laddove le persone passano più tempo, ovvero spesso anche sui posti di lavoro. Le persone LGBT (lesbiche, gay, bi- e transessuali) sono particolarmente toccate : scherni, osservazioni oscene e esclusione sociale sono solite nel mondo del lavoro. Spesso, la discriminazione può andare persino oltre, per esempio fino al licenziamento o al rifiuto di assumere la persona. È qui che la norma penale estesa permetterà d'intervenire e fornirà finalmente una base legale per difendersi contro tali pratiche abusive. Definire queste modifiche legislative come "limitazioni della libertà d'espressione" è totalmente errato!

Come sindacati, ci siamo sempre battuti per una società e un mondo del lavoro dove ogni persona è trattata e apprezzata allo stesso modo, e questo indipendentemente dal suo passaporto, dalla sua età, dalla religione, dal genere o dall'identità e orientamento sessuale. L'uguaglianza a tutti i livelli dovrà essere scontata ed è un proncipio costituzionale. Eppure anche nel mondo del lavoro, questa dev'essere tutti i giorni difesa o riconquistata. I sindacatisono impegnati in questa lotta, sia nelle imprese che in politica.

La votazione del prossimo 9 febbraio ha un importante significato simbolico: dobbiamo quindi dire un chiaro "Sì" alla protezione dalle discriminazioni!

Reto Wyss, Unione sindacale svizzera

Altre informazioni sul sito della campagna

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.