Non regaliamo la nostra TV a Berlusconi

Votiamo compatti contro l’iniziativa popolare No Billag, che vuole proibire la riscossione di ogni tipo di canone nel nuovo capoverso 5 dell’articolo 93 della Costituzione federale. Come verrebbero finanziate, se l’iniziativa fosse accettata, la Radio e la TV?

L’iniziativa prevede al capoverso 3, che “La Confederazione mette periodicamente all'asta concessioni per la radio e la televisione.”. Come avvenuto per le partite di hockey, ad acquistare la concessione saranno i potenti gruppi mediatici esteri, che si spartiranno la torta per diffondere emissioni commerciali a tutto spiano, a scapito dell’informazione e della cultura. Oltre alla fine della Radiotelevisione di lingua italiana (RSI) e di altre emittenti regionali, sarà la fine anche dell’Orchestra della Svizzera italiana, i cui concerti vengono acquistati in numero importante dalla RSI. Migliaia di posti di lavoro e un patrimonio culturale inestimabile andranno persi.

Chi difende l’iniziativa No Billag vuole veramente male al Ticino, anche perché essa al capoverso 4 vieta alla Confederazione di sovvenzionare qualsiasi emittente radiofonica o televisiva, per cui non ci saranno scappatoie nemmeno per le regioni periferiche e le minoranze linguistiche! Per far sentire la voce di chi vuole sostenere la continuità della radiotelevisione pubblica in Ticino e in tutta la Svizzera, sarà importante partecipare alla manifestazione popolare indetta il 27 gennaio alle 14.30 a Bellinzona (partenza dal Piazzale della Stazione) e votare NO all’iniziativa popolare dell’11 dicembre 2015 per l’abolizione del canone radiotelevisivo (Abolizione del canone Billag).

di Raoul Ghisletta, segretario VPOD Ticino

Contatti

Sindacato VPOD
Via S. Gottardo 30
6900 Lugano

Tel +41 (0)91 911 69 30

Enable JavaScript to view protected content.